ARCHITETTURA VIRTUALE - La capacità di controllo sul progetto

Vota questo articolo
(0 Voti)
Casa  Bortone  –  Acquarica del Capo 2004 Casa Bortone – Acquarica del Capo 2004
Casa  Stefano  – Presicce  2004
 
Casa  Paiano  – Morciano di Leuca  2004

In questi ultimi anni il mercato è stato invaso da innumerevoli software per la progettazione architettonica che hanno stravolto quello che è stato, fino al loro avvento, il fare artigianale, quasi da bottega, dell’architetto e dell’ingegnere.
Questi mezzi dalle molteplici potenzialità nascono per risolvere differenti e specifiche esigenze offrendo variegate opportunità e innumerevoli soluzioni.
Se da un lato possono velocizzare il lavoro dall’altro rischiano di uniformarlo legandolo a quelli che sono i dati contenuti negli archivi dello stesso programma.
La capacità di noi tecnici di “vedere oltre” permette anche di avere a disposizione dei mezzi, anche multimediali, che offrono delle enormi possibilità sul controllo del progetto.
Il risultato che ne deriva può quindi essere il prodotto di un processo continuo di verifica e controllo da parte dei progettisti.
Un risultato che permette la possibilità di comprensione e accettazione del progetto da parte dei committenti e fornisce all’impresa esecutrice i dati tecnici  per una approfondita conoscenza dei costi dell’opera e per una precisa gestione e organizzazione del cantiere.

Case vacanze Soc. Diramare - Lido Marini 2000
 
Case vacanze   Castrioto – Lido Marini 2004

Questo processo porta a migliorare la qualità del progetto a discapito naturalmente del tempo dedicato all’elaborazione.
A questa filosofia progettuale  il nostro studio crede e aderisce da sempre, già dapprima che il mercato offrisse questi mezzi.
Per questa ragione abbiamo prodotto innumerevoli modelli in scala che hanno permesso di ovviare all’iniziale timore del committente, che oramai il tempo ha cancellato, a confrontarsi davanti ad un monitor per la verifica del proprio progetto.

Abbiamo quindi  sempre e tenacemente, a volte anche con sproposito puntiglio, perseguito l’obbiettivo del controllo del prodotto in ogni suo aspetto progettuale, dall’urbanistica, all’architettura, dall’arredamento agli impianti; sempre facendo uso di modelli tridimensionali sia reali che virtuali.
La buona progettazione passa quindi anche attraverso l’utilizzo sapiente delle potenzialità dei mezzi informatici che permettono la verifica del progetto in ogni momento e in ogni suo aspetto, come abbiamo la possibilità di rappresentare in queste significative immagini.
La progettazione assume una nuova definizione dal valore più profondo dove la sua qualità non è legata semplicemente alla soluzione delle problematiche tecniche bensì al controllo  dell’insieme, all’ottimizzazione dei costi e delle risorse.

Si ha quindi la possibilità di offrire un prodotto migliore, quel qualcosa in più che può essere “visto” prima; tutto questo per meglio avvicinarsi ai desideri e ai sogni dei committenti offrendo loro una casa che gli permetta una migliore qualità della vita.
Su questo, per la nostra gioia e quella dei nostri clienti, abbiamo da sempre basato il nostro fare.

 
Casa  Tasco – ALessano 2004   Casa  Tasco – ALessano 2004

Autore: G. BORTONE, A. M. BORTONE
Titolo: ARCHITETTURA VIRTUALE
Rivista: AMBIENTE CASA
Pagine: 426-430
Casa Editrice: DOX ITALIA EDIZIONI S.R.L.
Anno: MANDURIA, 2005

Letto 1876 volte Ultima modifica il Mercoledì, 17 Luglio 2013 10:56